The Free Dictionary  
mailing list For webmasters
Welcome Guest Forum Search | Active Topics | Members

Profile: Donamed
About
User Name: Donamed
Forum Rank: Newbie
Gender: None Specified
Statistics
Joined: Monday, April 25, 2011
Last Visit: Monday, April 25, 2011 4:36:18 PM
Number of Posts: 6
[0.00% of all post / 0.00 posts per day]
Avatar
  Last 10 Posts
Topic: LO pneumatico e LO gnocco
Posted: Monday, April 25, 2011 4:36:17 PM
Al centro (toscana, Pisa) si dice "lo gnocco" e "il pneumatico". Se tutta l'Italia "sbaglia" sul pneumatico, si dovrà fornire la regola di almeno un'eccezione a ciò che dice l'accademia della Crusca! D'altronde non si dice anche "il pneumatorace"? E siamo a due eccezioni.
Forse si potrebbe cambiare anche la regola in:
- per il gruppo consonantico ps: uno psicologo.
E lasciar stare il "pn-".
Topic: apostrofo sì, apostrofo no ...........
Posted: Monday, April 25, 2011 4:06:27 PM
Se sono delle contrazioni, dovrebbero mantenere il genere e le regole grammaticali.
Scrivere, quindi, "un'eso" si può ma sarebbe più conveniente non interpellare la regola grammaticale e scrivere semplicemente "una eso".
In ogni caso vedo che le bacchettate sono state utili... e giuste, poiché tu avevi, di fatto, scritto "una amico", e questo proprio non si poteva allora, né si può adesso.
Topic: sinestesia o no?
Posted: Monday, April 25, 2011 3:42:41 PM
Sinestesia, ovvero mettere insieme (syn) sensazioni diverse (aisthesis) .
Si, se consideriamo "dolci", senso del gusto, "stelle", senso della visione.
No, se per dolci si intende un significato analogo ad "affettuose".
Nel verso di U. Betti non mi pare vi sia sinestesia.
Topic: sono parole onomatopeiche?
Posted: Monday, April 25, 2011 3:32:06 PM
Sono parole con una radice onomatopeica "tril" "mormor", evolute poi con significati più o meno distinti dalla loro origine.
"tril" indica un suono vibrante riscontrabile anche nel significato di "trillo"
"mormor" indica un suono debole ma continuato nel tempo, come lo scorrere dell'acqua che si infrange in qualche ostacolo. Il significato si è evoluto in una sorta di chiacchericcio continuo ma nascosto.
Insomma, se non sono più delle parole onomatopeiche, i suoni coinvolti sembrano avere una origine di quel tipo.
Topic: la parola più lunga del dizionario italiano
Posted: Monday, April 25, 2011 3:10:28 PM
Potrei proporre l'inusitata "disarcivescostantinopolizzare", ovvero deporre il vescovo di Costantinopoli, ma dubito che possa essere utilizzata in questi tempi moderni.
Topic: il genere della parola fine
Posted: Monday, April 25, 2011 3:00:30 PM
Provo a rispondere, ma scusatemi è la mia prima volta!
"fine" con significato analogo a "termine" (end) è femminile.
"fine" con significato analogo a "scopo" (aim, purpose) è maschile.
"fine settimana" assume un significato univoco seppure espresso con due distinte parole, non come l'inglese "weekend", espresso con una singola parola (seppure derivante evidentemente da due parole distinte). A questo significato univoco viene associato il genere maschile, seppure formato da due parole di genere femminile!
Per cui si potrebbe (forse) ipotizzare una sorta di evoluzione di "fine settimana" in "fine-settimana" o addirittura "finesettimana" come in inglese, ma tutto ciò non sembra molto probabile!
Mi scuso per la prolissità.