The Free Dictionary  
mailing list For webmasters
Welcome Guest Forum Search | Active Topics | Members

Film simbolo dell'Italia nel mondo Options
elisa
Posted: Thursday, March 19, 2009 5:26:49 AM

Rank: Advanced Member

Joined: 3/12/2009
Posts: 466
Neurons: 1,418
Location: Venice
Fin dai suoi inizi, il cinema italiano ha fornito capolavori capaci di attirare attenzione e ammirazione in ambito internazionale. Registi italiani come Fellini, Risi, Antonioni, Visconti e tanti altri hanno reso famoso nel mondo il loro Paese stigmatizzandone pregi e difetti attraverso i loro film.Applause

Se doveste citare un film, tra i grandi capolavori di oggi e di ieri, che rappresenti l'Italia all'estero, quale scegliereste? Perchè?

*ELISA*
Rocco
Posted: Saturday, April 18, 2009 5:10:25 AM

Rank: Member

Joined: 4/13/2009
Posts: 21
Neurons: 66
Direi "Il Gattopardo".
elisa
Posted: Saturday, April 18, 2009 1:43:05 PM

Rank: Advanced Member

Joined: 3/12/2009
Posts: 466
Neurons: 1,418
Location: Venice
Ciao Rocco!

Concordo, "Il Gattopardo" può essere considerato un film capace di rappresentare l'Italia all'estero!
Lo hai citato perché illustra un rilevante periodo storico italiano?
Cosa ti ha colpito maggiormente di questo film?


*ELISA*
Mad Bitetto
Posted: Monday, April 20, 2009 6:04:59 PM

Rank: Advanced Member

Joined: 3/17/2009
Posts: 705
Neurons: 2,079
D'accordissimo con Rocco e anche con Elisa. L'Italia ha sfornato grandi registi e film bellissimi.
Tra i classici per me è La dolce Vita. La scena nella fontana di Trevi credo sia nota in tutto il mondo!
ma vorrei attirare la vostra attenzione anche su altri film che credo rappresentino l'ITALIANITà.
Io consiglio un film molto più recente che rappresenta benissimo la precarietà del lavoro in Italia: TUTTA LA VITA DAVANTI Per molti giovani all'estero è inimmaginabile che un laureato non riesca a trovare lavoro o lavori in un call center. Questo film credo sia uno spaccato perfetto della fase che l'Italia sta attraversando. Virzì è capace di raccontare l'Italia con i suoi personaggi tipici. La protagonista lavora in un call center, laureta in filosofia teoretica con 110 e lode, bacio accademico e pubblicazione di tesi, ma non riesce ovviamente a trovare lavoro. Virzì riesce a fondere la commedia all'italiana a momenti poetici e che spingono lo spettatore a riflettere. Mi è piaciuto perchè racconta un' Italia che in pochi conoscono e un po' ci sfugge.

Consiglio poi La meglio gioventù che piace molto ai miei studenti di italiano. Gurdate lo spezzone che ho linkato è molto interessante!

Poi una nota divertente: una tipica riunione di condominio italiana ;-)))
elisa
Posted: Tuesday, April 21, 2009 3:31:30 AM

Rank: Advanced Member

Joined: 3/12/2009
Posts: 466
Neurons: 1,418
Location: Venice
Ciao a tutti!

Anch'io ho visto TUTTA LA VITA DAVANTI e penso sia un film consigliabile non solo agli stranieri che vogliono uno spaccato sulle condizioni dei giovani laureati in Italia, ma anche agli stessi italiani, dato che sembrano non accorgersi o comunque sottovalutare questo fenomeno.Shame on you

Attualmente, infatti, prevale ancora l'orientamento al "pezzo di carta" ovvero lo sprone a raggiungere la laurea, vista come garanzia di successo professionale. In realtà, come dimostra il film, quasi quasi converrebbe fermarsi agli studi superiori (magari con indirizzi che garantiscano una professionalità immediatamente spendibile nel mondo del lavoro), dato che gli impieghi che si prospettano ai neolaureati sono di livello molto inferiore rispetto alla loro preparazione scolastica (in questo caso, un call center dove lavora del personale con vari titoli di studio solitamente inferiori alla laurea).d'oh!

Unico neo del film, a mio avviso: l'atmosfera troppo "onirica" (i balletti per strada e nel finale) che conferiscono una patina di irrealtà a tutto il film facendo sembrare poco verosimile anche la stessa situazione in cui si trova la protagonista, che invece è decisamente reale, nel senso che rispecchia veramente ciò che succede nella realtà a molti giovani di belle speranze. Ecco, in questo caso avrei preferito un'ottica più "documentarista" o di denuncia piuttosto che questa prospettiva metaforica e fiabesca che a mio parere toglie credibilità alle vicende narrate.






*ELISA*
Mad Bitetto
Posted: Wednesday, April 22, 2009 2:18:38 AM

Rank: Advanced Member

Joined: 3/17/2009
Posts: 705
Neurons: 2,079
Ciao Elisa
io devo ammettere che ho apprezzato anche la parte dei balletti, sicuramente non funziona così, ma una mia amica laureata in scienze della comunicazioneDrool ha lavorato per un po' in un call center e mi ha detto che hanno una specie di slogan motivazionali, premi per chi fa meglio, certo nel film è tutto portato agli estremi, ma è un modo da un lato di prendere in giro quel modo di fare ( la mia amica diceva che sembrava di far parte di una settaSilenced ) e così fare una commedia grottesca. Il film è ispirato ad un libro scritto da una blogger e nel suo libro, cone nel suo blog, racconta che queste vicende inverosimili le sono capitate sul serio: il terrificante balletto delle telefoniste, gli squallidi premi produzione, le grottesche sedute motivazionali...proprio per questo questo il film mette i brividi! A me questa «confusione» dei livelli di realtà è piaciuta particolarmente anche perchè amalgama generi e stili cinematografici, la commedia all'italiana che si fonde con una poesia onirica. Se ci pensi il film è raccontato da una voce narrante proprio per dare un'impressione romanzesca ed è proprio l'alternanza tra realtà e fantasia che cerca di rendere una commedia all'italiana moderna, la cui capacità narrativa non può da sola aspirare a
raccontare la complessità dell' Italia ma che ha bisogno di essere «adattata» all' evoluzione troppo veloce
della nostra realtà. Credo che questa situazione, a mio avviso davvero tragica, possa essere raccontata solo in maniera grottesca e perchè no? Con balletti e sogni. Se fosse stato un documentario si sarebbe avvicinato troppo alle tante trasmissioni televisive serali che parlano di queste cose. Invece deve venir fuori proprio la parte grottesca del tutto...che ok può sembrare onirica, irreale, poco verosimile...ma secondo me è la chiave di lettura giusta: viviamo una situazione reale che ha però dell'incredibile e che agli occhi degli altri paesi può sembrare irreale e grotteca
elisa
Posted: Wednesday, April 29, 2009 4:38:52 AM

Rank: Advanced Member

Joined: 3/12/2009
Posts: 466
Neurons: 1,418
Location: Venice
Ciao Maddalena

hai sentito che è uscito il film "Generazione 1000 euro" tratto dall'omonimo libro?

Mi sembra che anche questo film si inserisca nel filone che mira a raccontare le reali condizioni di vita dei giovani in Italia.

Sono curiosa di vedere con quale prospettiva il regista affronta la questione.

*ELISA*
Mad Bitetto
Posted: Thursday, April 30, 2009 5:00:01 AM

Rank: Advanced Member

Joined: 3/17/2009
Posts: 705
Neurons: 2,079
ciao Elisa,
sì ho visto che è nelle sale.
Grazie della dritta!Dancing
Rocco
Posted: Sunday, May 03, 2009 8:26:24 AM

Rank: Member

Joined: 4/13/2009
Posts: 21
Neurons: 66
Ciao Elisa,

ho scelto "Il Gattopardo" perché nel libro è contenuta una frase che riassume in poche parole il 'carattere italiano': "Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi!".

elisa wrote:
Ciao Rocco!

Concordo, "Il Gattopardo" può essere considerato un film capace di rappresentare l'Italia all'estero!
Lo hai citato perché illustra un rilevante periodo storico italiano?
Cosa ti ha colpito maggiormente di questo film?
elisa
Posted: Sunday, May 03, 2009 8:35:40 AM

Rank: Advanced Member

Joined: 3/12/2009
Posts: 466
Neurons: 1,418
Location: Venice
Ciao Rocco!

Molto bella come citazione!E' un ossimoro, ma in realta' riesce a rendere efficamente l'idea del modo in cui e' stata vissuta un'epoca di rivolgimenti politico-sociali come quella ritratta nel libro e nel film.

Putroppo temo che questa tendenza italiana a mantenere lo "status quo" sia piuttosto deleteria in questi tempi in cui la capacita' di rinnovarsi, evolversi e migliorarsi decreta il successo politico, economico e sociale di un Paese.

*ELISA*
Rocco
Posted: Sunday, May 03, 2009 8:50:05 AM

Rank: Member

Joined: 4/13/2009
Posts: 21
Neurons: 66
A mio parere questa tendenza alla conservazione ha origini molto antiche e fa dell'Italia una vera e propria 'fortezza' semi-impermeabile allo spirito della modernità.
Mad Bitetto
Posted: Thursday, May 28, 2009 4:29:44 PM

Rank: Advanced Member

Joined: 3/17/2009
Posts: 705
Neurons: 2,079
non è un film simbolo nella storia del cinema in Italia, ma lo consiglio atutti quelli interessati alla storia italiana: VINCERE, parla della storia dell'amante di Mussolini. C'è una splendida Giovanna Mezzogiorno che interpreta il personaggio di Ida Dalser mentre l'attore Filippo Timi interpreta sia Benito Mussolini che il figlio Benito Albino da adulto.
elisa
Posted: Tuesday, June 30, 2009 5:42:16 AM

Rank: Advanced Member

Joined: 3/12/2009
Posts: 466
Neurons: 1,418
Location: Venice
A mio parere anche un film uscito alcuni anni fa al cinema, NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI, è interessante per calarsi nei panni dei ragazzi italiani alle prese con uno degli esami più importanti e faticosi della loro vita scolastica.

A me è piaciuto in modo particolare perchè mi ritrovavo nelle ansie dei giovani protagonisti (nonostante il film sia ambientato alla fine degli anni 80) e mi ha riportato alla mente tutti i tentativi più disparati (nonché disperati) fatti dai miei compagni per cercare di scoprire in anteprima le tracce della maurità e per nascondere in posizioni strategiche gli immancabili bigliettini!!Dancing
Senza contare l'ironia e la comicità che da sole donano ritmo e vivacità alla trama.

Non si tratta di un film caposaldo del cinema italiano, ma penso possa attrarre un pubblico giovane interessato alla vita studentesca italiana.

*ELISA*
Users browsing this topic
Guest


Forum Jump
You cannot post new topics in this forum.
You cannot reply to topics in this forum.
You cannot delete your posts in this forum.
You cannot edit your posts in this forum.
You cannot create polls in this forum.
You cannot vote in polls in this forum.

Main Forum RSS : RSS
Forum Terms and Guidelines. Copyright © 2008-2017 Farlex, Inc. All rights reserved.